Autore Topic: Democrazia e Repubblica: termini svuotati di ogni significato.  (Letto 252 volte)

BrunoAlessandroBertini

  • Iscritti
  • Sr. Member
  • *
  • Post: 279
    • Mostra profilo
Democrazia e Repubblica: termini svuotati di ogni significato.
« il: Gennaio 07, 2021, 12:39:41 pm »
Viviamo un tempo in cui esistono media di massa talmente forti ed efficaci da poter cambiare o annullare il dignificato di ogni parola, e di conseguenza, fare la stessa cosa coi nostri pensieri.
Negli USA in questi giorni è più forte che mai la rivalità tra il partito DEMOCRATICO e il partito REPUBBLICANO, usata come sempre per dividere il popolo in fazioni litigiose, l'uno contro l'altro.
Ma i termini REPUBBLICA e DEMOCRAZIA sono tanto tanto simili e riportano al fatto che è il popolo ad essere sovrano.
Nella costituzione italiana le troviamo appaiate: "Repubblica Democratica".
I partiti e i media hanno preso queste parole e le hanno dilaniate, calpestate, svuotate di ogni significato e storpiate nel significato fino all'inverosimile.
In qualsiasi elezione dovrebbe vincere solo il popolo e tutti gli eletti dovrebbero collaborare con metodi ed idee diverse allo stesso obiettivo: il bene di tutti.
Il popolo è sovrano, il potere è del popolo, lo stato è sorretto dalla fiducia e dalla buona volontà del popolo che lavora e produce.
Ma oggi, ad ascoltare i media, il popolo è antidemocratico e ha bisogno del sostegno dello stato per sopravvivere con sovvenzioni e bonus.
Il populismo è accostato ai peggiori regimi non già nella sua forma che ammalia, promette e poi non mantiene tradendo il popolo ma lascia intendere che chi ascolta il popolo, le sue istanze, è il peggior nemico del popolo stesso.