Autore Topic: Ricerca  (Letto 111 volte)

Antonietta Basile

  • Iscritti
  • Jr. Member
  • *
  • Post: 77
    • Mostra profilo
Ricerca
« il: Ottobre 13, 2019, 06:11:59 pm »
https://www.effervescienza.com/informazione/i-falsari-della-scienza/?fbclid=IwAR1kRT_L4dHchyhRYJWJlC9qWWDBw0GIgxpM6gRIqzZDFpTE6e_11OBFi-A

Questo interessante articolo mette in evidenza un buco normativo/legislativo che va riempito. Inoltre, è l'ennesima dimostrazione della necessità che ad occuparsi della ricerca sia il settore pubblico, in quanto è l'unico che può (ed è tenuto) fare gli interessi dei cittadini. Fare ricerca vuol dire assumersi il rischio che non si arrivi a nulla, che uno studio non porti risultati; e questo vuol dire tempo e soldi buttati, cosa che un privato non farà mai perché il suo unico obiettivo è il profitto e quindi investirà solo dove ciò sarà possibile. Profitto e benessere dei cittadini sono in contrapposizione, ecco perché come già detto, deve intervenire il pubblico. 

BrunoAlessandroBertini

  • Iscritti
  • Full Member
  • *
  • Post: 161
    • Mostra profilo
Re:Ricerca
« Risposta #1 il: Ottobre 14, 2019, 11:07:18 am »
Io vedo la ricerca scientifica come la punta di un iceberg.
Un comparto che produce, fatto di operai, responsabili e dirigenti, genera a volte una richiesta di sviluppo e ricerca.
Per questo mi arrabbio un po' quando sento affermare che la ricerca è il settore più importante e che bisogna puntare tutto su quello.
La ricerca è la punta di diamante, ma non è più importante di tutti i ruoli che stanno al di sotto.
Se producessimo solo ricercatori dalle nostre università, trascurando di formare buoni operai, buoni imprenditori, buoni responsabili, ecc., inevitabilmente poi andrebbero all'estero per dare eccellenza ad industrie che non abbiamo in Italia.
Il compito dello Stato è quindi mantenere il giusto equilibrio tra i vari ruoli, senza enfatizzare il concetto sbagliato che il ricercatore è bravissimo e va strapagato mentre l'operaio è inutile e va sottopagato.
Per ogni ricercatore ci sono 10.000 operai, cittadini italiani che devono sentirsi parte di un sistema produttivo ed economico che può generare benessere per tutti con piena dignità.
Altra piaga della ricerca privata è poi l'esigenza del marketing di proporre continuamente novità.
Faccio l'esempio di un software per la gestione di pratiche negli uffici pubblici.
Si adotta un software (con licenza pubblica) e piano piano lo si migliora.
Se la gestione è pubblica, quando il software raggiunge un buon livello e soprattutto gli operatori sanno come usarlo serve solo di tenerlo aggiornato allo sviluppo tecnologico, qualche modifica per adattarlo a un cambio di normativa... ma essenzialmente può restare immutato per decenni.
Se il software è privato, con la scusa della ricerca e dell'innovazione, ogni due anni sarà necessario cambiarlo, perché il fornitore smette di produrre e dare assistenza su quello vecchio in favore del nuovo.
E il nuovo non funziona mai bene come quello vecchio, bisogna ricominciare a trovare i difetti e formare nuovamente il personale, senza contare che anche la cura dei particolari è tralasciata per un prodotto destinato all'obsolescenza programmata.

Antonietta Basile

  • Iscritti
  • Jr. Member
  • *
  • Post: 77
    • Mostra profilo
Re:Ricerca
« Risposta #2 il: Ottobre 16, 2019, 03:12:51 pm »
Mi sembra un po fuori tema come risposta, o forse sono io che non l'ho compresa; il punto è che io non ho affermato che la ricerca è la soluzione a tutti mali ma d'altra parte non si può negare la sua importanza. Quello che voglio mettere in evidenza è: 1) La mancanza di norme e di legislazione specifica in materia che consenta di punire chi commette determinate azioni, come spiegato nell'articolo. 2) Ricerca e privato sono in conflitto d'interessi; solo questo. Come approfondimento sui legami tra ricerca, salute e profitto consiglio vivamente la visione di questi video:

https://www.youtube.com/watch?v=uJlsVLdl0uo

https://www.youtube.com/watch?v=H-Z96_LNvQU&t=15s

BrunoAlessandroBertini

  • Iscritti
  • Full Member
  • *
  • Post: 161
    • Mostra profilo
Re:Ricerca
« Risposta #3 il: Ottobre 16, 2019, 03:52:19 pm »
Mi sembra un po fuori tema come risposta, o forse sono io che non l'ho compresa;...
Propendo per la seconda.
OT:
A mio avviso non essendoci una domanda non può esistere una risposta appropriata: hai fatto una serie di affermazioni, condivisibili, e ho voluto aggiungere il mio parere evidenziando appositamente cose che non avevi affrontato.
Ho valutato che fosse un post generico sulla ricerca.

Antonietta Basile

  • Iscritti
  • Jr. Member
  • *
  • Post: 77
    • Mostra profilo
Re:Ricerca
« Risposta #4 il: Ottobre 16, 2019, 04:08:08 pm »
Mi sembra un po fuori tema come risposta, o forse sono io che non l'ho compresa;...
Propendo per la seconda.
OT:
A mio avviso non essendoci una domanda non può esistere una risposta appropriata: hai fatto una serie di affermazioni, condivisibili, e ho voluto aggiungere il mio parere evidenziando appositamente cose che non avevi affrontato.
Ho valutato che fosse un post generico sulla ricerca.

Infatti è uno spunto di riflessione   :) ;)