Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Luigi Intorcia

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Discussioni generali / SMETTIAMOLA, CON LE BALLE SULLA RUSSIA!
« il: Marzo 05, 2022, 11:50:51 am »
Roba da non credere? Riporto qui una bella informazione: Russia/Prodotto interno lordo 1,483 migliaia di miliardi USD (2020); •Germania 3,806 migliaia di miliardi USD •Italia 1,886 migliaia di miliardi USD;  Stati Uniti 20,94 migliaia di miliardi USD ‎(2020) Francia 2,603 migliaia di miliardi USD ‎(2020) Cina 14,72 migliaia di miliardi USD ‎(2020).
Basta solo questa fotografia, per dati ufficiali, per evidenziare le  idiozie nel riportare tali valori. ‌ E' altrettanto chiaro che il valore del PIL russo è falso, per iperbolico difetto, in realtà è come minimo 20 volte superiore

Chiunque sia un  economista  di mezza tacca,  ne  resta scandalizzato e verifica all'istante  che in Russia poco più di 30 soggetti, si spartiscono il 70% del pil complessivo ufficiale e si appropria quasi interamente  della 'enorme' differenza in difetto. Gli oligarchi padroni della Federazione Russa, sono tutti ex ufficiali kgb, burocrati, una vera e propria cricca che prima del crollo della Ex Unione sovietica si sono spartiti le ricchezza di una nazione intera. Questo è il risultato di circa 25 anni di autentici crimini contro l'umanità a danno del popolo russo.
E' proprio questa spartizione criminale della ricchezza, ai danni del popolo russo, che ha consentito oggi la creazione del 'mostro' Putin.
La Russia è il principale motore globalista mondiale aggressivo e si avvale della mafia per traffici illeciti, seguito a ruota strettissima dalla Cina, con le organizzazioni criminali più potenti e radicate al mondo intero.
Le altre sono filastrocche che non hanno alcun fondamento.

Se una oligarchia ha combinato questo sfracello mondiale, è chiaro che devono essere fermati, in quanto hanno nelle mani ordigni nucleari pronti ad essere usati senza alcuna pietà.

Luigi Intorcia
presidente PSP

 

2
Ogni immobile è stato comprato già pagando imposte sui redditi necessari per acquisirli a titolo originario. Le rendite catastali sono incostituzionali per l'Art. 53 in quanto non corrispondenti alla progressività delle imposte, con estimi collegati tecnicamente ai beni oggetto di imposizione, che non tengono più conto della capacità di reddito collegata al possesso di un bene. Trasformazione da diritto all'abitazione al concetto della pura speculazione sulla rendita collegata agli estimi, utilizzabile esclusivamente all'atto della cessione del bene. In questo modo sono stati  creati fallimenti civili dei cittadini per il solo fatto di possedere dei beni. Nel titolo scrivere un debito mai contratto, significa che nel PNRR chi ha trattato, ha dovuto cedere pezzi di sovranità italiana e ha dovuto obbedire all'ordine  di aggredire il patrimonio immobiliare privato italiano. Chi ha obbedito, permette ad un qualsiasi investitore speculativo da qualsiasi parte del mondo sia di aggredire tale patrimonio, annullando il risparmio della persona fisica che non potendo ottemperare ad un nuova imposta deve attingere dai medesimi risparmi, sino al loro esaurimento. Una volta esaurite le riserve il soggetto fisico sarà costretto a cedere il suo immobile al migliore offerente. Eppure per la legge italiana il titolato alla prelazione è la Banca che eroga mutui e quindi non esiste alcun reddito, o rendita che derivi dalla valutazione degli estimi catastali, a loro volta corretti arbitrariamente per Tasi ed Imu, vero obiettivo, per incrementare le finanze dello stato italiano.  Chi ha accettato questo ( Gualtieri / Conte )  ha compromesso per decenni il settore immobiliare italiano, nel silenzio assoluto degli organi di informazione. A questo punto Draghi a buon titolo è il liquidatore finale dello stato italiano. Questa è la UE, nella vana promessa di essere unita, nel frattempo siamo alla Grecia, in una devastazione di inconsapevolezza generale fra i cittadini italiani che rasenta la follia.
La vecchietta al minimo di pensione che possiede un immobile in un qualsiasi centro storico di una città qualsiasi in Italia secondo un estimo catastale è automaticamente ricca  e benestante, perchè la mattina mangia pavimento a colazione, a pranzo  invece mette nella pentola una porta e a cena si ciba del soffitto.
Aberrazione impositiva incredibile e assurda che solo un sistema finanziario disumano è in grado di partorire.
Con forza contro la variazione degli estimi, in quanto grave abuso di diritto.

https://youtu.be/zX2BcJ6RWwc


3
Discussioni generali / #STOPCAROBOLLETTE
« il: Gennaio 31, 2022, 08:55:41 pm »
#STOPCAROBOLLETTE

PSP PATROCINA UNA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE PER FERMARE QUANTO STA AVVENENDO. AL PIU' PRESTO SARA' PROPOSTA UNA VASTA PARTECIPAZIONE CON ALTRI GRUPPI POLITICI E ORGANIZZAZIONI CHE VORRANNO ADERIRE PER UNA MOBILITAZIONE GENERALE A LIVELLO NAZIONALE.



4
Discussioni generali / lezione indimenticabile dalle amministrative
« il: Ottobre 19, 2021, 11:07:51 am »
Quanto avvenuto nelle amministrative 2021 è lo specchio reale della situazione italiana.
Prima di tutto, bisogna informarsi, partecipare, capire, parlare, proporre ovvero  tutti termini 'azionatori'. La politica è questa non altro che questa e bisogna fare chiarezza una volta per tutte.
Un elettore, che come avvenuto nel ballottaggio romano, non va a votare significa che non ha capito assolutamente niente. Se si cerca il suo voto glielo si  chiede dando per lui o lei una pro_ attività.
Levando il caos  di fondo  provocato dalla ideologia sempre più  mal posta dai soliti noti, includendovi  tv e giornali, si deriva che si è in perenne campagna elettorale, agli ordini del padrone di turno e se non si centrano le politiche pro attive, ( risoluzione di una istanza qualunque essa sia ), non vedendola nemmeno citata, dal suo eleggibile di riferimento,  l'elettore non VOTA.
Le alchimie non esistono e tanto meno le contro prove, ma al vero disperato, cosa gli interessa del green pass o del vaccino?
La risposta è zero.

Il disperato vero, è un soggetto che non ha più nulla da chiedere a nessuno, perchè vive nella sua disperazione quotidiana, non gli interessa se e quanto costa l'energia, se e come gli cambiano le imposte ( che non è più in grado di onorare ) se e quanto costa un conto corrente o un mutuo o un prestito, se e quando va in un ospedale dove  nemmeno ci arriva ad entrarvici se deve curarsi. Quanti sono i cittadini che possono stare in questa situazione?

Se è vero  quanto sopra, pensare di discriminare un soggetto, che non ha nulla da perdere, è la pazzia della politica degli accattoni  che cercano il micro consenso e immaginano chi li voti, ma questa è una pura illusione.

In poche righe nessuno pretende di dare lezioni di scienza politiche, in quanto il buon senso dovrebbe prevalere sulla pura idiozia e se è vero questo, quanto avviene di sbagliato ogni secondo della nostra vita, dipende non più dalla comunità, ma dai ciarlatani che non hanno alcun sentimento, in quanto  votati esclusivamente ad acquisire il potere.

La politica assassina, da parte di criminali, banditi e gentaglia al seguito ha puntato ad annichilire l'avversario, sacrificando tutto quello che si poteva sacrificare e ha costretto quasi 1 su 2  a non andare più a votare.

Il termine esatto è allora, far desistere  ad  interessarsi della vita comune, in   quanti più se ne poteva,   e indurli a non farli votare contro e ci sono riusciti.

I sempre più pochi  che hanno la volontà di lottare, hanno compreso molto bene che è una pura perdita di tempo e forse è arrivato il momento di farsene una ragione definitiva.
Per quanto sia possibile,  è necessario cercare  di trovare  una specie di pace interiore e in quella serenità ritrovata,  vedere bene quanto avviene e denunciare tutto ciò che sia possible denunciare, per tentare di auto difendersi, senza fare alcuno sconto costi quello che costi.

Il resto sono chiacchiere inutili.

Luigi Intorcia





 





5
Discussioni generali / CAMPAGNA TESSERAMENTO 2021 P.S.P.
« il: Giugno 25, 2021, 05:17:06 pm »
Da oggi 24 giugno 2021 e sino al raggiungimento dei primi 100 iscritti che esercitano l’opzione di FONDATORE ORIGINARIO del partito con la presente è lanciata su tutto il territorio Nazionale la nuova campagna di tesseramento.


link di iscrizione   https://sovranitapopolare.net/iscrizione/


L’associato ha due opzioni:

1 ) iscritto non fondatore, partecipa con l’iscrizione per euro 10, deve firmare il codice etico e inviarlo per tramite mail a questo indirizzo

segreteria@sovranitapopolare.net

Deve riempire le caselle opportune nella form di iscrizione, successivamente deve procedere all’inserimento nel forum del suo nome e cognome, non saranno ammessi nik name diversi dal Nome e Cognome al seguente link: https://sovranitapopolare.net/forum/

2 ) iscritto fondatore: partecipa con l’iscrizione per euro 40 e la sua iscrizione è valida per 4 anni dal 2021 deve firmare il codice etico e inviarlo per tramite mail a questo indirizzo

segreteria@sovranitapopolare.net

Deve riempire le caselle opportune nella form di iscrizione dettagliando bene nei campi necessari, al soggetto fondatore sarà richiesto un breve curriculum per approfondire la conoscenza reciproca, successivamente deve procedere all’inserimento nel forum del suo nome e cognome al seguente link: https://sovranitapopolare.net/forum/

Con la campagna di tesseramento si realizza l’atto finale del partito, per l’inserimento nel registro nazionale dei partiti presso il Parlamento Italiano.

I nostri punti di forza sono: PERCORSO DEMOCRATICO E TRASPARENTE INTERNO, SU BASE MERITOCRATICA

Costruzione delle liste dei candidati eleggibili all time per tutto il territorio Nazionale e per ogni singola realtà territoriale, ma il nostro fiore all’occhiello è il CODICE ETICO, la pietra miliare fondamentale per partecipare in P.S.P.

Il presidente P.S.P.

Dott Luigi Intorcia


6

CIT. GIOVANNI TOMEI

Gentili Associati, presenti e futuri,

abbiamo scontato oltre 16 mesi di un terribile blocco, causato dalla pandemia e dagli assurdi problemi che ha creato a tutti noi e alle nostre famiglie.

Faticosamente ne stiamo uscendo e intendiamo procedere per necessità avvertita, con la costituzione finale del Partito, per poi censirlo presso la commissione parlamentare nel registro dei partiti italiani. Un buon modo per cominciare a consolidare la vera e propria attività politica tra noi cittadini in tutto il territorio italiano.

Nell’assemblea deliberativa del 29 maggio 2021, abbiamo deciso di impegnarci per continuare a cercare la massima condivisione tra tutti noi, al fine di dare vita e dare soluzione alle sempre più gravi condizioni socio economiche e di degrado ambientale del Paese.

Soluzioni improcrastinabili cui frapporre un argine di popolo, unito sui medesimi obiettivi: essere gli artefici della costruzione, in ogni ambito possibile, di un nuovo e profondo Risorgimento per il ritorno alla qualità della vita di tutti noi e delle nostre famiglie, prendendoci cura dell’ambiente naturale in cui viviamo, con l’obiettivo del bene comune.

Noi viviamo subendo un disegno edulcorato da verità apparenti, che parlano di crescita economica e del PIL che quest’anno tenderà ad aumentare fino al 5%, mentre nella realtà la povertà assoluta aumenta e circa 2 milioni di bambini non hanno di che sfamarsi. Assistiamo inermi e passivi ad un sistema politico e di potere che incrina senza soluzione di continuità il tessuto connettivo economico e sociale dell’Italia, della sua storia e del suo patrimonio, culturale, economico, industriale e di bellezza, che fece del nostro Paese uno dei cinque paesi al vertice del sistema economico mondiale.

È in questo quadro desolante che bisogna unire le forze e non dividerle, per lavorare insieme avendo un ideale comune, che sappia riconoscere le false promesse imposte da una classe dirigente totalmente scollegata dalla realtà.

Del resto, il Parlamento, tra leggi elettorali ad hoc e liste bloccate su nominati dai partiti politici di regime, non rappresentano certo l’espressione libera e democratica della volontà del popolo italiano, e tanto meno le sue migliori qualità morali, etiche e cognitive. Un sistema di potere consociativo che si riflette nel governo e poi nella burocrazia pubblica, creando un vallo invalicabile, una distanza incolmabile a queste condizioni, tra comunità nazionale e Stato, non più di diritto, avendo perso uno dei suoi tratti essenziali, la sovranità nazionale.

Un potere politico che si incarna nel sistema pubblico dove imperano i partiti politici, che continuano imperterriti a non dare attuazione piena alla Costituzione, impegnati solo a disintegrare quello che resta delle fondamenta del diritto e delle norme costituzionali dello Stato Italiano. Sono bastati questi 4 anni e tre governi consociativi, non espressi dalla volontà del popolo italiano, per dimostrare il disastro della democrazia parlamentare e rappresentativa in Italia.

La riduzione dei parlamentari si aggiunge alla deriva antidemocratica e produrrà l’effetto di consolidare nelle mani di pochi le incerte sorti di una intera nazione, nonostante sia stata fortemente osteggiata, anche da parte nostra, dai veri ‘patrioti’, del tutto alternativi a questa partitocrazia imperante.

Abbiamo assistito al solito rituale ammantato di democrazia del nucleo dominante e dispotico dei burattinai in cima alla piramide, di coloro che muovono le leve del comando supremo, in una sorta di teatro in cui i cittadini, sono obbligati ad assistere in platea, comunque pagando lautamente, all’indegno spettacolo che costoro propinano. Chi si oppone deve essere eliminato, anche grazie ad un sistema giudiziario, messo in crisi da scandali incredibili, che ha mostrato di essere forte con i deboli e compiacente con i forti.

Un domino incontrastato condotto con una duplice via: da un lato, la diminuzione dei parlamentari; dall’altro, leggi elettorali proporzionali, con soglie di sbarramento e premi di risultato, che come un saliscendi, all’occasione, premieranno i soliti partiti consociativi, con accordi dietro le quinte mai noti a noi cittadini, in barba alla democrazia, alla partecipazione popolare e al diritto costituzionale.

Dominio che si estende sulla comunicazione a stampa e in TV, fino a presidiare i social media della comunicazione online. Un bailamme continuo e ben orchestrato da dare in pasto all’opinione pubblica, per sollecitare con il solito metodo del divide et impera il duttile popolo italiano, illuso di legarsi secondo occasione a un leader del momento e alle sue promesse elettorali che mai si verificheranno.

Bisogna prendere atto, come cittadini, dell’illusione che forniscono le ideologie ammannite dall’attuale potere politico dei non eletti dal popolo, che nulla più hanno a che vedere con le giuste cause che hanno costruito la storia democratica nel nostro paese, nel segno indelebile della Costituzione, come voluta dall’Assemblea Costituente e che fu promulgata il 1 gennaio del 1948.

Oggi, l’attualità politica non avverte più l’imperativo categorico che prima di tutto occorra pensare al popolo e ai suoi bisogni da soddisfare, prima ci sono le grandi questioni finanziarie e le grandi imprese, l’Unione Europea e il diritto internazionale, le scelte economiche e finanziarie imposte ad intere nazioni, a iniettare miliardi su miliardi di nuovi debiti, sia statali, che alle imprese.

Occorre riflettere e comprendere perché le prime vittime innocenti, a milioni, sono proprio le famiglie, stritolate da una ideologia ben precisa, che schiaccerà prima le piccole imprese e il lavoro, porterà via prima il risparmio, per poi aggredire il patrimonio immobiliare di ogni singolo cittadino, fino a costringere alla povertà economica, come nuova forma di schiavitù fondato sul possesso di “moneta”, in cui prevarrà la paura, nell’assenza di democrazia e di libertà civili.

Consegnare la Patria nelle mani di una minoranza che si è appropriato del diritto di ‘regnare’ senza alcuna opposizione, in un folle consociativismo di caste di non eletti dal popolo, sono responsabilità che ci appartengono: noi dobbiamo comprendere al cuore e alla ragione di essere cittadini consapevoli di poter fare la differenza e per diritto sancito dalla Costituzione.

Noi del nuovo “Partito Sovranità Popolare” a questo disegno nefasto non ci stiamo, ed ecco perché invitiamo i concittadini e patrioti italiani ad iscriversi in massa a questo partito, per contarsi e per contare nella società civile italiana, finalmente contrassegnata dalla partecipazione democratica, come strumento popolare di equilibrio sulla democrazia rappresentativa, autonoma e senza contrappesi, dei parlamenti e dei governi, da tempo, non più espressione della volontà sovrana del popolo italiano.

Noi dobbiamo lavorare insieme per promuovere la partecipazione plurale, anche nella forma dell’associazionismo politico tra chi crede nell’equità e nella giustizia; nell’equilibrio e nell’armonia, in un concilio reale e non rimandabile tra ruolo pubblico e privato, in cui il “Programma Politico” tra noi elaborato in comune, sia lo strumento obbligato cui riferirsi per gli eletti al Parlamento e nell’esecutivo.

Presto lanceremo la campagna di tesseramento su tutto il territorio Nazionale, con l’obiettivo di lavorare insieme, tra cittadini liberi, uniti sull’obiettivo di ricostruire l’Italia, la Patria di tutti noi e delle nostre famiglie.

Luigi Intorcia Presidente P.S.P.

7
LOMBARDIA / Re:Riunione del 29 aprile 2021
« il: Maggio 26, 2021, 07:23:32 pm »
Carissimi, procedere senza indugi. Basta perdite di tempo.
Luigi

8
Discussioni generali / ITALIA INFETTATA NON DAL VIRUS MA DAI DEBITI
« il: Maggio 26, 2021, 06:57:11 pm »
Troppi a cincischiare, ad ignorare o far finta di ignorare nel più grave plagio collettivo mai perpetrato contro interi popoli, Italia è la prima autorevole vittima mondiale.
Trattasi delle munifiche attività  della finanza speculativa  e  che è al limite del criminale.

Avviene che ogni 10 giorni esistono provvedimenti restrittivi creditizi, esclusivamente sulla parte attiva, fra cui i risparmi ( depositi attivi e conti correnti attivi )  e spinta poderosa ad indebitare le famiglie. L'output finale, o conseguenza  sono le  tasse e imposte selvagge che pagano i cittadini, oltre a pagare interessi assurdi sui famosi debiti personali,  sia aziendali e sia  delle famiglie italiane. Una operazione a tenaglia di immane gravità.

I ristori da eventi pandemici alle categorie colpite dalle restrizioni è solo e soltanto miserabile fumo negli occhi,  servivano le briciole  a salvare solo l'apparato e si è deciso con una più grave mentalità o ideologia, di sacrificare 4 milioni di partite iva, su cui si scaricano tutti gli errori di 16 mesi di una vera e propria guerra.
Il riverbero principale è affidato alle parole incredibili dei capi dei sindacati italiani, che solo ora se ne escono con < ma non bisogna licenziare >,  del tanto  <ti arriva un partito e ti piazza una patrimoniale >, una nuova imposta un nuovo balzello, che non si potrà onorare e quindi significa che chi ha proprietà immobiliari,  se non sta ben attento se le sono  giocate definitivamente.

E' una operazione chiara e limpida nella sua spietata nefandezza. Si mulina il riccone che è giusto se pagherà il 6% oltre un certo valore.... ma ecco la correzione. Un erede fratello o sorella pagherebbe già a partire da cifre irrisorie, diciamo 6 mila euro per 100.000 €? Una truffa assurda e un tranellone che un partito sta cercando di inanellare, per premiare i 16enni, con un regalino ( se mai lo riceveranno )

Bisogna denunciare soltanto?
La risposta è negativa. Non ci resta altro che rimboccarci le maniche senza troppi fronzoli, senza parole inutili  avendo ben chiaro l'obiettivo.

Luigi Intorcia
 


9
Discussioni generali / Re:L'EUROPA UCCIDE PER AFFARI!
« il: Aprile 06, 2021, 01:30:12 pm »
dal 23 al 31 marzo  3.440 MORTI


La conferma di una tragedia in atto se ce ne fosse bisogno.....

Questo topic sarà aggiornato ogni 15 giorni.


10
Discussioni generali / Re:Sanità
« il: Marzo 30, 2021, 07:14:11 pm »
Dall in faccia Antonietta!

e non aggiungo altro

11
Discussioni generali / L'EUROPA UCCIDE PER AFFARI!
« il: Marzo 23, 2021, 06:41:24 pm »
L'aberrazione della  UE è arrivata a livelli insopportabili. Un manipolo di burocrati i peggiori in circolazione  coloro che sono gli artefici nell'aver  creato l' EMA, di cui non interessa minimamente descrivere chi e cosa fa, piuttosto interessa cosa escogita e cosa  elabora, ovvero porcate su porcate ed è l'organismo Europeo che ha la più grande responsabilità in assoluto, quella che direttamente  incide sulla diffusione della pandemia in atto in Europa  come in qualsiasi parte del mondo.
L'ultima della serie gravissima,  ha  ancora una volta un nome e cognome.
Il CRIMINALE è  Thierry Breton che è riportato   nella foto sottostante.
 
Questa la fonte: https://www.agi.it/estero/news/2021-03-21/vaccino-breton-unione-europa-non-serbe-sputnik-11871556/


Questo criminale Thierry Breton, è un manager e politico francese, commissario europeo per il mercato interno e i servizi della commissione Von Der Leyen. Durante la sua carriera di manager è stato presidente di Bull, quindi direttore generale prima di Thomson e poi di France Télécom.

Basta e avanza questa descrizione?

Ma questa è la sua assurda dichiarazione < AGI - "Priorità ai vaccini prodotti sul territorio europeo. Non abbiamo assolutamente bisogno dello Sputnik V": lo ha detto al telegiornale di Tf1 il commissario europeo Thierry Breton, incaricato per i vaccini. Breton ha precisato che "i russi hanno difficoltà a produrre il siero e noi li aiuteremo nel secondo semestre se ne avranno bisogno".
L'immunità di gregge europea
Breton ha anche affermato che l'Europa potrebbe raggiungere l'immunità di gregge entro il 14 luglio, il giorno della festa nazionale in Francia. "È una data simbolica: il 14 luglio, abbiamo la possibilità di raggiungere l'immunità a livello del continente", ha detto al canale francese TF1.
"Sappiamo che per sconfiggere questa pandemia, c'è solo una soluzione: essere vaccinati. I vaccini stanno arrivando, ci saranno", ha assicurato Breton. "Tra marzo e giugno, saranno consegnate tra 300 e 350 milioni di dosi di vaccino", ha aggiunto.>

E ora un rapido calcolo.
Proiezione decessi in Italia da covid con una media  di 300 al giorno 3.000 da oggi a fine  marzo + 9.000 aprile + 9.000 maggio + 9.000 giugno +4.500 luglio =
                                                                                 
  34.500 MORTI SOLO IN ITALIA
che lasceranno questa vita, da oggi al 14 luglio 2021 per centrare  una prevedibile immunità di gregge? Il tutto solo  perchè questo criminale lo ha deciso  esclusivamente in base ad una mera convenienza affaristica, altamente detestabile, senza una vera  logica e senza uno straccio di umanità.

A questo siamo arrivati nella amatissima europa delle nostre esauste scatole?

Dai contratti vergognosi da cui emergono soltanto  omissis, da dichiarazioni criminali diffuse a ciclo continuo da capi di stato e cancellieri, da un coacervo assurdissimo di gentaglia variopinta, quella  che in barba agli accordi sanciti ( dove non si sa )  si accaparrano vaccini a colpi di miliardi di euro.

La vita per i soldi? La vita per affari?
E cosa ci sarebbe di diverso dalle azioni ripugnanti dei famigerati  ufficiali delle SS? Quelli che indisturbati assassinavano per comando ricevuto da altrettanti sudici vermi superiori, centinaia di migliaia di esseri umani  nei lager della Germania nazista?

A S SO L U T A M E N T E    N I E N T E

SE QUESTA E' L'EUROPA DEI POPOLI?

NON IN MIO NOME

VIA DALLA UE!

Luigi Intorcia


 

 

12
Discussioni generali / 320.000 contro 30
« il: Novembre 07, 2020, 11:39:14 am »
In tutto,  una trentina di leggi economiche fondamentali applicate nella scienza economica, sono accerchiate da circa 320 mila tipi differenti di Virus.

Fonte: https://www.lescienze.it/news/2013/09/04/news/numero_virus_sconosciuti_mammiferi_pipistrello-1796333/ per altro ad un certo punto si scrive autorevolmente:< Per identificare tutti i 320.000 virus dei mammiferi, stimano i ricercatori, servirebbero circa 6,3 miliardi di dollari, un costo che però, limitando le ricerche all'85 per cento della diversità virale stimata, scenderebbe a 1,4 miliardi di dollari. La cifra è notevole ma va paragonata al costo delle pandemie: "L'impatto economico della pandemiadi  SARS - ha osservato Anthony - è calcolato in 16 miliardi di dollari". Se avessimo una mappa della biodiversità virale sarebbe possibile realizzare strumenti di monitoraggio migliori e test diagnostici più rapidi, riducendo significativamente la diffusione, e quindi i costi, di analoghi eventi pandemici.>

Precisando al lettore, che sarebbe a sua cura, leggere tutto il fondo del suddetto articolo, ma arriviamo direttamente al punto.
I soldi che servono per mappare la genetica dei virus dei mammiferi e questi li produce esclusivamente l'economia, ovvero le risorse, ovvero i soldi.

Ora tecnicamente  non costa a nessuno, avere le risorse sufficienti, in particolare quei famigerati variopinti  foglietti di carta chiamati soldi per mappare studiare e predisporre le difese contro il nemichetto invisibile di turno e tutta l'economia mondiale etica, che non è quella che è andata nella pura e semplice sovra economia finanziaria speculativa mondiale, detenuta da meno di  30  immensi delinquenti sparsi nel mondo, è perfettamente in grado di realizzare.
Quindi parliamo del niente contro l'ulteriore niente che per l'appunto, sono i circa 320 mila virus conosciutissimi e sconfiggibilissimi con le sopraffine tecniche anti virali studiate dalla medicina moderna.

Ma, che la speculazione finanziaria non si sia appropriata delle scienza medica ( OMS, è il tipico esempio malefico )? Che non aggredisca ogni possibile conquista della scienza, pagando a bassissimo prezzo autentici luminari che per il soldo, sono esclusivamente al loro servizio, proteggendo con brevetti ( beceri contratti ) le loro scoperte?
Ma, esiste o non esiste un superiore e gravissimo   problema ecologico planetario nella difesa dell'ambiente e delle biodiversità? 
Ma esiste o non esiste, in ogni più piccola sfaccettatura delle vicende socio economiche mondiali, micro e macro, il tanfo insopportabile dei tentacoli putridi dei 30 figli di puttana che ci hanno avviluppati e portato allo stritolamento miliardi di esseri umani?

Termini come neoliberismo globalismo competizione finanziarizzazione e  speculazione non possono e non devono mai più nemmeno essere considerati come esistenti, perchè o esistono loro o non esisterà  più il genere umano libero di autodeterminarsi libero di vivere nella dignità, nel diritto nella coesistenza reciproca, su questa nave spaziale che è la Terra.

Le leggi economiche etiche conosciute sono circa una 30na e sono talmente tanto più potenti rispetto ai 320 mila virus che il non capirlo rasente la follia.

Tutto quello che sta avvenendo altro non è che una immane conseguenza del più grande problema causato da criminali e delinquenti, pochissimissimi e individuabili e abbattibili in 10 secondi netti, dove stanno stanno.

Sono esclusivamente le poco più di 30 Bastiglie da conquistare il nostro grande problema?

E allora radiamole al suolo, mandandoli al fallimento, e con esso ogni tentacolo allungato sugli esseri umani che hanno il terribile bisogno di difendersi e  che partono  dall'economia mondiale, che si estendono nei effimeri  mercati, nel plagio collettivo chiamato  competizione e con il plagio esercitato dalla speculazione criminale, i tentacoli si sono  impadroniti della leva finanziaria fondamentale mondiale.
Estirpare la leva è nel potere dei popoli e null'altro che in questo.

O noi o loro.


Luigi Intorcia










13
Discussioni generali / Re:MASCALZONI
« il: Maggio 17, 2020, 12:23:59 pm »
in UE è passato il falso concetto che l'Italia sarebbe piena di debiti. E' completamente e totalmente falso. Il motivo? E' molto semplice: l'Italia non ha risorse energetiche, gli italiani se mettono un dito nel terreno, fanno un buco da cui non esce carbone, non esce ferro, non esce  petrolio e tanto meno gas, tanto meno altri minerali.
La dipendenza energetica e dei minerali, fa dipendere l'approvvigionamento, da altri stati e quando devono essere pagati chiedono moneta garantita. Teoricamente in dollari quando non ci stava l'Euro, potendo rifiutare le lire. Quindi la nazione doveva chiedere il cambio in dollari delle proprie lire per ricevere forniture energetiche. Andava tutto bene perchè anche se il saldo poteva essere negativo ( esportazioni minori delle importazioni, bilancia dei pagamenti  ) gli USA garantivano il cambio. Ma non la CEE( già era una fregatura prima della UE per interessi tedeschi, da qui fu creato lo sme. sistema monetario europeo,un accordo con cui era OBBLIGATORIO il cambio fra monete europee nello scambio( fisso )  di import export da e fra paesi della Europa.
Nei primi anni 90 già si notava che la Germania si comportava da stato canaglia, perchè non gradiva svalutazioni competitive della lira. Dal cassetto gli Italiani avevano sempre la differenza per compensare la svalutazione e questo ovviamente procurava danni al marco. Lo SME fu creato per imbrigliare la svalutazione competitiva fra monete. Ma questo valeva nello s.m.e. e non ne mercati mondiali valutari a qui la famosa fregatura di mister Soros che comprava sterline allo scoperto e  lire ad un valore diverso fra mercati americani ed europei <Nella storia economica dell'Europa, il mercoledì nero è il 16 settembre 1992 quando la lira italiana e la sterlina inglese furono costrette ad uscire dallo SME, in conseguenza di una speculazione finanziaria da cui ricavò profitto soprattutto il finanziere George Soros tramite il suo fondo Quantum . Soros vendette sterline allo scoperto per un equivalente di più di 10 miliardi di dollari e causò una perdita di valore della lira sul dollaro del 30%, guadagnando una cifra stimata attorno agli 1,1 miliardi di dollari.> per chi vuole approfondire e comprendere il meccanismo della fregatura leggere qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Mercoled%C3%AC_nero

cioè questo bastardo senza colpo ferire incasso 1.1. miliardi in dollari sulla lira in meno di 24 ore perchè pagò il rimborso dello scoperto al 30 percento in meno rispetto al dollaro sulle sterline. La differenza in the pocket.
Ma gli statisti dell'epoca erano statisti, questi sono dei pidocchiosi.

Quindi prima delle UE la speculazione era monetaria ( e andava benissimo all'Italia arrivata alla 4 potenza mondiale ), oggi è FINANZIARIA GLOBALE ( declassando l'economia italiana che avrebbe il debito pubblico, quando invece è la potenza principale della sua finanza e  in questo lercio sistema,  l'Italia è stata fatta  diventare una nazione apparentemente povera attraverso il  killer europeo che è  la Germania, che ovviamente ha tutto l'interesse a depotenziare l'economia italiana, costringendola ad usare EURO sopravvalutatissimo contro il dollaro. Da questo deriva  la non competitività sui prezzi dei prodotti italiani su mercati globali a vantaggio dei prodotti tedeschi), ma sono concetti  molto complessi oltre che completamente e totalmente diversi.

14
Discussioni generali / Re:MASCALZONI
« il: Maggio 16, 2020, 07:32:36 pm »
In questi casi io sono molto pragmatico: l'agenzia di rating fa il suo lavoro, ovvero indica agli investitori la probabilità di poter riavere indietro i soldi prestati a uno Stato.
Bene, se la valutazione è alta ci saranno molti acquirenti disposti ad investire con tassi molto bassi.
Se la valutazione è bassa, al punto che si valuta improbabile la restituzione, ci saranno solo pochi investitori che rischieranno sapendo che potrebbero perdere tutto e per questo pretenderanno interessi molto alti.
La valutazione delle agenzie di rating è veritiera.
L'Italia, con tutti gli indicatori economici attuali, non può restituire il debito a meno di non suicidarsi economicamente (e ottenere comunque la stessa medesima conclusione di paese insolvente).
La palla sta ora nelle mani del governo italiano.
Le agenzie di rating si sono espresse e secondo loro un paese ragionevole nelle nostre condizioni non restituirà mai il debito ai propri creditori.
Ragionevolmente non massacrerà i propri cittadini portandoli alla miseria e alla fame, non farà chiudere tutte le fabbriche azzerando la produzione, non sequestrerà i conti bancari e i beni privati attraverso tasse patrimoniali, non svenderà i propri asset strategici, le infrastrutture essenziali e le opere d'arte a paesi esteri.
Semplicemente non restituirà il debito, lo dichiarerà insolvibile, fallirà e da lì ripartirà investendo su ciò che è rimasto, con o senza l'aiuto di partner europei o extraeuropei.
Qualche investitore però è temerario, ha tanti soldi e può permettersi di fare una scommessa: l'Italia e il suo governo si suicideranno.
Pagheranno il debito, nonostante il parere negativo delle agenzie di rating, e lo faranno con interessi molto alti.
Per chi investe il rischio è alto, ma se gli va bene vince alla lotteria.
Quel che non mi spiego sono gli italiani che tifano ancora per la restituzione del debito e darebbero tutto per onorarlo, quando anche le agenzie e tutto il mondo della finanza si è invece arreso all'idea che nessuno, sano di mente, lo farebbe.
Il mondo ci guarda, facciamogli capire che sappiamo quando dire basta.

La prima parte della tua analisi è non corretta. Il debito italiano in mano straniera è poco superiore al 30%, poco meno di 600 miliardi di euro. Poco meno di 500 miliardi sono nella pancia della banca d'Italia. Non esiste che il 30% nella valutazione di rientro pesi molto di più del restante.  Inoltre i rimborsi sono programmati per frazioni di debito e non su tutto. Non solo, la quota interessi è strategica sul BTP ( perchè il btp ha la scadenza ultra annuale è ha cedole di interessi che possono viaggiare disgiuntamente dal titolo e per 'convenzione' [ci sarebbe da fare un discorso lunghissimo per decifrare il concetto della convenzione] sono soggetti a quotazione, minore o maggiore rispetto al valore iniziale di collocamento, cioè lo stato ci prova a tentare la quotazione al ribasso, per pagare meno interessi, ed essendo per questo motivo,  più rischiosi per collocarli, ovviamente ci paga di più all'emissione. In altri termini lo stato corre il rischio di fregare il risparmiatore, perchè in caso di ribasso dello spread  ci rimette la differenza sulla quotazione iniziale)   e non sul BOT ad esempio  con scadenza inferiore o entro l'anno e non ha quotazione perché quando sono emessi hanno già incorporata la quota interessi sempre al di sotto della parità ( sottoscrivo a 98 per ricevere 100 significa che 2% è la quota interessi ma è immediato).
Si conclude che è nella modalità di emissione della qualità dei titoli il problema ( se esiste.... e non esiste )  che assolutamente non ha nulla a che fare con la quantità da estinguere ciclicamente.
Chi fa i rating ha tremendi conflitti di interessi e non è assolutamente veritiero, anzi è un dato falso.
Il ragionamento è già stato sviluppato in un altro topic dove si descrive puntualmente e con dati effettivi dimostrati che  la modalità nella determinazione dei rating sono classificati come MERE OPINIONI.

Vogliamo far saltare una economia per le opinioni?

15
Discussioni generali / Governo al capolinea fra incapaci
« il: Maggio 15, 2020, 06:04:03 pm »
L'italia è un paese dalle mille contraddizioni, ma è sempre stata capace come nazione, di levarsi dal baratro spesso tradendo. Un intero popolo, è messo alla corda da un potere politico assolutamente incapace di intendere e volere, fatalmente metterà in una tremenda reazione a catena , certa e  incontrollata la massa dei cittadini.

Massa elevata, milioni di cittadini, che non potranno sopportare a lungo questa drammatica situazione.

Chi legge, potrebbe storcere il naso, per la questione della moratoria sulla regolarizzazione degli immigrati, adducendo l'incorrettezza della correttezza politica.

Ma questo decreto, rasenta la follia parossistica gravissima, perchè inserirà 700 mila nuovi poveri, scagliati a fare concorrenza al ribasso, per milioni di sventurati, farà da ulteriore  specchietto per altri milioni di immigrati, che assalteranno l'Italia e creeranno una bomba sociale senza precedenti, mentre un italiano per lavorare, deve essere uno scienziato?
Oppure il  tenere a casa paciosi lavoratori messi comodi a 752 euro al mese in media?
Stai facendo un decreto? E allora,  mettili a lavorare nei campi a  ZERO COSTI PER L'ITALIA e chi non vuole LAVORARE, basta R.D.C., perchè gli incompetenti del 5 stelle non hanno capito assolutamente, che bisogna creare prima il terreno fertile per favorire l'occupazione  e non fare l'opposto! E punto!

Il Governo Conte, è dunque al capolinea, perchè dietro alla pandemia, è riuscito  maldestramente non solo a complicare,  ma  nel peggio, a  rendere pressoché  impossibile, una ripresa economica adeguata, probabilmente essendosi  incaponito a seguire le trovate europee, ma  da cui i veri statisti dovevano prendere immediatamente le distanze, ricavando una perentoria  autonomia decisionale, sullo stile della Germania.
Quindi i carenti dal punto di vista esecutivo sono esclusivamente questi provetti politici inetti e deficienti, oltre che  lontanissimi dalla  vita  reale del paese e  che si permettono di inguaiare una intera nazione e vanno allontanati dalle stanze che contano, subito.

Il motore della nave Italia  vale non meno di  2200 miliardi di pil  e  non può assolutamente sperare di sopravvivere a nemmeno 6/10mi della sua potenzialità reale minima , perchè i 6 messi tutti indistintamente  in tremende difficoltà funzionali parossistiche,  non possono assolutamente  sperare di reggere i 4, ma  che domani saranno 5 e  che restano letteralmente a pane e ad acqua.

Un paio di esempi per capire bene in che situazione ci siamo cacciati: il settore del turismo, rappresenta  un valore di almeno 200 miliardi di euro di reddito in un anno. Smuove una potenza economica altamente  strategica in Italia,  come mai in qualsiasi altra  parte al mondo intero in rapporto al volume totale del pil.

Non può essere ridotto questo settore a 10 volte in meno per un decreto sicurezza  ( siamo alla pazzia completa ) e quindi nella  pratica, non rientra più nella quota di un pil e che sarà così talmente tanto ridimensionata da essere quasi annullata.

Significa, che esisterà una ecatombe di senza lavoro di imprese fallite e mancherà un enorme gettito di entrate che vale minimo 20/30 miliardi di iva e almeno altri 60 miliardi di imposte, per non parlare dei contributi.

( ............ e come si risolveva questo problema gravissimo? La risposta è semplice:  sostituire la liquidità sia nel volume e sia  nelle imposte e contributi attesi da lasciare azzerata una perdita provocata da una emorragia di risorse economiche! ).

L'altro esempio ancora  e pesantemente molto più grave è il  settore della manifattura italiana. Nel suo complesso normalmente produceva  pil in un anno  pari a non meno di  1200 miliardi di euro.

Una parte cospicua pari al 50% di essa di fatto è stata fermata per oltre 90 giorni, quella che  è restata, ha prodotto nemmeno un decimo della sua potenzialità il  che implica,  che si riduce quel pil drammaticamente a non più di 600/800 miliardi quest'anno, oltre ad aver già eliminato IVA e contributi per un intero trimestre per ulteriori miliardi  su miliardi di euro che non entrando nelle casse dell'erario  provocheranno inevitabilmente problemi finanziari di approvvigionamento monetario di  gravità inaudita.   

Il settore dei servizi che opera sul tutto il  complessivo totale  si troverà ad operare per circa il 60% del suo potenziale minimo, il 40% di fatto ad oggi ( tendente ad aumentare )  già non esiste più.

Tagliando corto, restano fuori non meno del 40% delle imprese e il 60% dei servizi e  quelle che restano  non possono avere alcuna speranza di far reggere il peso mostruoso che grava,  di quel 40% che resta che è a zero!.

Questo, è quello che non è stato assolutamente capito e sarà questo, il motivo per cui a settembre, o anche molto  prima,  l'Italia dovrà obbligatoriamente invertire la  direzione  da quella attuale, poiché i grandiosi timonieri delle nostre esauste scatole,  hanno messo a tutta forza il motore della nave, nella rotta più breve e veloce   che va a sbattere alla distruzione completa nel 100% dei casi.

Ma d'altra parte, la UE quello voleva, l'obiettivo è chiaramente  la distruzione economica italiana, parendo dall'obbligare un intero popolo a mettere mano ai risparmi e  a  farceli mangiare per chi li ha e  sarà costretto ad utilizzarli,  ma appena finiranno,  sarà inevitabile la reazione generale,  anche violenta.
L'Italia è come una polveriera, basterà una piccola scintilla che la farà esplodere............

In questa assurdità parossistica, un intero sistema politico è senza attenuanti sia a sinistra che a destra, l'una è la brutta copia dell'altra, perchè chi si oppone ad esempio è semplicemente ridicolo e  non sta facendo assolutamente nulla di quello che serve fare. Politici che sono intenti solo a vedere come raschiare un barile  COMPLETAMENTE  VUOTO di mezzi monetari, MENTRE LE BANCHE HANNO LE CASSE STRACARICHE DI EURO CHE NON PRESTERANNO A CHI E' IN BANCAROTTA DA TRE MESI ALMENO.  Siamo in un colossale vortice da cui, quasi nessuno ha l'idea del come fare per uscirne, appunto perchè la pressione del default intanto aumenterà a livelli insopportabili ( più danni fai nell'unità di tempo  e meno hai la capacità di turare l'emorragia nell'immediato delle stramaledette risorse)  e schiaccia ogni cittadino che si trova sulla sua strada. Una valanga di fango putrido da cui ce ne usciremo quasi tutti,  con le ossa completamente  maciullate.

Chi scrive non è soltanto arrabbiato, ma è nella consapevolezza assoluta  di fare sempre tardi,  insieme a quei pochi eroi, nel cercare strenuamente di fare qualcosa di concreto, qualsiasi cosa sia,  per evitare lo scempio in atto, ed è frustrante constatare che sempre più spesso ci si attornia di onesti cittadini, inconsapevoli della fine a cui saranno destinati, cioè  carne da macello innocente e senza alcun futuro. 

PSP

Pagine: [1] 2 3 ... 10