Oramai abbiamo capito cosa dobbiamo fare. Basta UE.

PRESIDENTE PSP
Con oltre 2500 morti con oggi, 18 marzo 2020, si chiude il periodo più buio della Repubblica italiana, grazie alla corruzione con cui ci hanno distrutti in ogni senso possibile.

Creare altri 70 o 100 miliardi a debito, significa morte dello stato italiano. Significa che una pandemia estesa, la devono pagare con prestiti i cittadini che sostengono lo stato? Trump assegna 1500 dollari ad ogni cittadino solo come risarcimento. Fermare lo scempio in atto in UE, con una comunicazione secca ed efficace. Fermare i governanti italiani e anche quelli dell’opposizione, che non si sono assolutamente resi conto della catastrofe, quelli che annunciano con il cappello nelle mani, la miseria di ottenere sforamenti con misure economiche semplicemente ridicole. Tornare ad una moneta interna ora e subito, garantita esclusivamente dallo stato, senza cambio con l’euro, tanta quanta ne servirà, per ricostruire dalle fondamenta una intera nazione. Stanchi del maltrattamento internazionale, stanchi dei mercati, della competizione, del globalismo, degli spread dei rating, della speculazione finanziaria delle risorse deviate dalla sanità per diventare una nazione miserabile, senza infrastrutture adeguate, senza i medici ed infermieri, annegata in una burocrazia allucinante e dal welfare che non esiste, per sostenere una Europa dei banchieri e dei tecnocrati. Quelli che decidono, se una catastrofe mondiale, sia o non sia solo un nuovo debito solo a carico dei cittadini, quelli che foraggiano solo le banche, quelli che prendono soldi stampati a zero costi, è aldilà di ogni ragionevole dubbio, l’ultima nefandezza profferita da un’accozzaglia di soggetti incivili e indegni di rappresentare le Istituzioni.

Partito Sovranità Popolare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.